Bolzano: i Mercatini di Natale

I mercatini di Natale di Bolzano allietano il periodo prima di Natale fino al giorno della Befana e sono noti in tutta Europa attirando turisti e visitatori in cerca di un ricordo speciale del Natale. Le tradizioni di Bolzano sono protagoniste come anche le peculiarità culinarie e le usanze locali. Un esempio sono le bancarelle che sono a forma di casetta in legno e richiamano alla memoria un maso o una baita di montagna.

mercatini-natale-bolzano-1I mercatini di Natale di Bolzano sono ormai famosi anche oltre i confini nazionali e allietano il periodo prima di Natale fino al giorno della Befana.
Quest’anno infatti la loro apertura è prevista dal 25 novembre fino al 6 gennaio 2016, dove verranno allestite le classiche bancarelle in un’atmosfera a dir poco magica.
Il 2015 segna il 25° anniversario di quella che è ormai diventata una tradizione a tutti gli effetti molto popolare e attira avventori da tutto il Trentino e oltre. I partecipanti sono circa 80 commercianti che occupano altrettanti stand.
Tra questi se ne trovano 3 dove potrai gustare tutte le specialità enogastronomiche tipiche del luogo, sia dolci che salate.
I mercatini di Bolzano naturalmente attirano soprattutto i bambini, ma anche gli adulti che possono godere di un’atmosfera tipicamente natalizia, specialmente nelle 4 settimane di apertura, che corrispondono alle 4 domeniche di Avvento secondo la tradizione cristiana. Se la neve cade soffice e imbianca tutto, rende ancora più bello questo scenario già suggestivo.
Sono previsti ospiti ed esposizioni anche di opere artigianali in legno, che è una lavorazione tipica della città di Bolzano.
Sono comunque protagoniste le tradizioni che si accompagnano le usanze locali, anche nella costruzione delle stesse bancarelle, che sono a forma di casetta in legno e richiamano alla memoria un maso o una baita di montagna.
Ci sono dei particolari inconfondibili che caratterizzano i mercatini di Bolzano come quello in piazza Walther o quelli di Vipiteno, di Bressanone, di Brunico, di Merano che vedono abeti bianchi adornati di luci colorate e che la sera si vedono tremolare dando un’atmosfera da sogno alle bancarelle.

Anche il presepe è una delle antiche tradizioni di questi luoghi, dove la grotta o la capanna sono anch’esse costruite sul modello delle baite.

I bolzanini tengono molto anche agli addobbi natalizi che sono i protagonisti di questi mercatini insieme al cibo tipico.
Il centro storico della città può essere visitato con un tour pittoresco in carrozza e per i bambini in particolare c’è anche il trenino che attraversa le vie strette e illuminate di luci coloratissime.
Non mancano poi le classiche giostre e anche uno tra i più antichi spettacoli per bambini, che è quello delle marionette, sempre molto amato dai più piccoli.
Ma cosa si trova in particolare nei mercatini di Natale di Bolzano? Come detto è l’artigianato il settore predominante, imposto anche dalle regole per chi vuole partecipare a un’avventura lunga un mese.
Per esempio puoi trovare le statuine del presepe in legno, rigorosamente realizzate a mano, ma anche gli addobbi per l’albero di Natale con le palle di vetro bellissime fatte con decorazioni dipinte in originale.

Non mancano anche gli addobbi per decorare l’esterno delle case con composizioni di rami d’abete, frutta e fiori secchi, che brillando e illuminano qualsiasi porta voglia ricordare lo spirito del Natale, che qui, come si può immaginare, è particolarmente sentito.
Non mancano poi anche gli abiti di Babbo Natale per chi vuole cimentarsi nella parte.
Se invece volessi solo avere un tocco natalizio nell’abbigliamento c’è sempre il classico cappello rosso a punta con la pelliccia bianca da indossare magari passeggiando per il mercatino e rimanendo in tema con l’atmosfera di festa.
Tra i prodotti più ricercati che caratterizzano i mercatini con il loro profumo ci sono certamente i prodotti enogastronomici.
La mela della Val Venosta è uno dei più pregiati prodotti locali, insieme al vin Brulé, agli insaccati e ai formaggi. Tutto quello che potrete assaggiare è rigorosamente preparato e prodotto secondo la tradizione che detta le regole di conservazione e confezionamento locale.

Le mele per esempio si usano per lo strudel ma anche per un succo caldo, che dia tepore nelle fredde serate di novembre, dicembre e gennaio. Le mele si usano anche per fare le gustose frittelle di mele di cui i bambini, ma anche gli adulti, vanno ghiotti.

Chi è del luogo ne approfitta per assaggiarle nuovamente e, chi invece è tra i visitatori, rimane incantato e incuriosito da tanta bontà. I dolci tipici in ogni caso sono padroni incontrastati nelle preferenze dei visitatori ed è noto che la pasticceria altoatesina è rinomata quanto ghiotta.

Si possono trovare tra le bancarelle anche strumenti musicali e candele profumate a base di spezie.
I bambini possono trovare anche degli stand dedicati esclusivamente a loro e anche un “Bosco incantato” tra tanti alberi di Natale addobbati a festa.
Partecipare ai mercatini di Natale di Bolzano significa anche godere della storia e dell’architettura della città, Bolzano ha un centro storico caratteristico di un borgo medioevale tra portici, palazzi gotici e sullo sfondo la bellezza delle Dolomiti.
La visita del mercatino di Merano invece ti aprirà la via alle terme che caratterizzano questi luoghi e offrono un percorso benessere rigenerante.
Bressanone invece è detta la “città dei presepi” per via della sua lunghissima tradizione (800 anni) nella costruzione di presepi incantevoli, per ammirare i quali puoi visitare il museo e anche il Palazzo Vescovile.
Brunico invece ti accoglierà con le sue piste di sci mentre Vipiteno, dove il suo mercatino viene allestito sotto la Torre delle Dodici, ti mostrerà la sua storia legata all’attività di miniera ormai abbandonata.

  1. […] castelli e il suo museo archeologico, è una delle città più storiche della regione. Inoltre il mercato in piazza è qualcosa di veramente suggestivo, con le sue innumerevoli bancarelle in legno, cariche di […]